Direct E-mail Marketing

Marketing, Vendite e Controllo
Follow Me

Direct E-mail Marketing

By circhirillo   /     Gen 25, 2016  /     Marketing e Strategie  /     , , ,

e-mail marketing

Direct e-mail marketing

 
Se mi chiedessero quali sono gli strumenti più potenti per aumentare le vendite non avrei alcun dubbio e risponderei:
  1. Direct e-mail marketing, per gli amici DEM
  2. Le sales letters
 Con questi due indispensabili strumenti sono convinto si possa fare davvero tanto per incrementare i nostri fatturati.Direct E-Mail Marketing
 
 Concentriamoci ora sull’argomento di questo post, anche se il soggetto sales letter è strettamente correlato con il DEM, in quanto spesso le nostre e-mail saranno niente più che delle sales letters.
 Il direct e-mail marketing dunque può permettere alla nostra attività di decollare, ovviamente per far ciò il requisito fondamentale è quello di avere un data base di indirizzi e-mail con i quali relazionarci.
Può sembrare strano ma è alquanto verosimile che siate in possesso di una quantità cospicua di indirizzi di posta elettronica ai quali attingere, quelli dei vostri clienti.
Se non li avete……. Matita rossa, li avreste dovuti chiedere, se non l’avete fatto….

Fatelo ora

Ci sono comunque diverse modalità di raccolta dati, potete procurarveli da:
  • Il vostro Blog, ce l’avete vero un blog?
  • Raccogliendoli alla fonte quando entrate in qualsivoglia modo in contatto con i vostri prospect
  • Tramite porta a porta o telefonate a freddo (se non riuscite a strappare un appuntamento ottenete almeno una e-mail)
  • Se avete un’attività al pubblico attraverso fidelity cards, buoni sconto ecc.
Attenzione però alla legge sulla privacy che in Italia è molto restringente, rischiate in alcuni casi di avere seri problemi.
 
Passiamo ora alla parte pratica:
Avete il vostro bel database di enne indirizzi e ora vi chiedete:
“E mo che ce faccio?”
Per prima cosa dobbiamo capire cosa vogliamo comunicare ai nostri contatti e in quale modo.
Non pensate assolutamente di inondare le caselle di posta dei vostri collegamenti con offerte commerciali, possibilità di sconto, imperdibili occasioni e chi più ne ha più ne metta.
La comunicazione tramite direct e-mail marketing deve essere strutturata.
A seconda dell’attività svolta, ovviamente, ci sono diverse modalità, non tutti i settori sono uguali!!!
In una buona strategia di direct e-mail marketing dobbiamo comunque mandare tre tipi di diverse mail.
  1. Mail di nurturing
  2. Mail di storytelling
  3. Mail di offerta commerciale
Vediamoli ora uno ad uno.

Direct e-mail marketing: NURTURING

direct e-mail marketing

È sicuramente la principale tipologia di mail da mandare ai nostri contatti.
Lo scopo di questo tipo di comunicazione è quello di fornire ai nostri interlocutori informazioni (nurturing deriva dall’inglese to nurture e vuol dire coltivare) relative:
  • Ai nostri prodotti / servizi
  • Ma soprattutto relativamente ai bisogni del possibile cliente, fornendo soluzioni (ovviamente attraverso la nostra attività)
  • Dialogare costantemente con il cliente per far sì che quando sarà pronto ad effettuare l’acquisto ci preferisca rispetto agli altri competitors.
Il cliente ha un ciclo d’acquisto solitamente ben definito, non acquista quando vogliamo noi ma quando è pronto lui. (Poi sappiamo bene che ci sono le solite “tattiche” per mettergli un po’ fretta, ma questa è un’altra storia)
Specialmente con l’avvento del WEB, il processo d’acquisto è variato notevolmente in questi ultimi anni.
Trent’anni fa il cliente veniva a conoscenza del prodotto perché era la nostra forza vendita che glielo mostrava, il venditore doveva essere bravo a far emergere il bisogno del cliente ed appioppargli il prodotto.
Ora, nell’anno 2016, il cliente ha infinite possibilità di raccogliere informazioni su quello che proponiamo, e lo fa quasi esclusivamente tramite WEB; uno dei compiti principali dell’ufficio marketing 2.0 è quello di occupare il più possibile gli accessi informativi del cliente, fornendogli la possibilità, qualora egli decida di procedere con l’acquisto di scegliere noi.
 

Come lo facciamo?

 
Molto semplicemente tramite il DEM possiamo strutturare campagne di e-mail che diano al nostro contatto tutta una serie programmata di risorse come:
  • HOW TO – come fare qualcosa, ovviamente rispetto al prodotto che vendiamo. In un’azienda che vende telefonia, ad esempio, possiamo fornire al prospect utili consigli riguardo la tecnologia, come ottimizzare la performance della sua connessione, come evitare elevati costi di roaming ecc.
  • INFORMAZIONI TECNICHE – sempre parlando di telefonia tenerlo aggiornato riguardo le evoluzioni tecnologiche in atto.
  • NOVITA’ ED AGGIORNAMENTI – consolidare la nostra relazione fornendo al contatto utili informazioni attinenti alle ultime uscite sul mercato.
Ovviamente in tutta questa serie articolata di mail possiamo inserire, con cautela e stando attenti a non esagerare, alcune Call To Action che diano la possibilità al cliente di acquistare i nostri prodotti o, ancora meglio, di prendere contatto con noi per concretizzare un’eventuale vendita.

Direct e-mail marketing: STORYTELLING

direct e-mail marketing

Un’altra serie di e-mail dovrebbe poi essere rivolta a farci conoscere dal nostro potenziale interlocutore, senza ovviamente scadere nel retorico con una presentazione aziendale stile anni 70 in cui ci pregiamo di raccontarti al storia della nostra azienda nata da un’idea di…. I nostri prodotti vengono da una tradizione millenaria, coniughiamo tradizione, qualità e personalizzazione di nostri prodotti.

Tutta FUFFA inutile

 
Dobbiamo invece tentare di coinvolgere chi ci legge facendolo sentire parte della nostra storia.
Raccontarsi, rendendo maggiore l’esperienza d’acquisto del cliente è senza dubbio un’arma potentissima.
Attenzione però a farlo nei modi giusti, emozionando il cliente, coinvolgendolo, fino a portarlo ad essere in sintonia con noi, quasi a fare parte del nostro progetto di business, parlando di noi ma, implicitamente parlando anche di lui e dei suoi problemi.

Direct e-mail marketing: OFFERTA COMMERCIALE

e-mail marketing

Eccoci finalmente giunti alla mail che tutti hanno fretta di scrivere, quasi sia l’unica possibilità di contatto con il cliente.
Vendere, Vendere, Vendere.
Come abbiamo già visto in precedenza
Certo è che se lo abbiamo:
  • Nutrito di contenuti
  • Emozionato, reso partecipe
Ora dobbiamo anche dare a questo povero cliente la possibilità di acquistare da noi!!!

Come lo facciamo?

Inserendo nella nostra strategia di direct e-mail marketing alcune e-mail prettamente commerciali in cui diamo esplicitamente al cliente, attraverso una Call to Action, possibilmente ripetuta più di una volta all’interno di ciascuna e-mail, l’opportunità di procedere all’acquisto.
Ripeto per l’ennesima volta:

“Non abusiamo di questo tipo di e-mail!”

 
Altrimenti verremmo percepiti come portatori sani di SPAM e non avremo più alcuna credibilità verso il nostro acquirente.
Lo scopo dell’e-mail marketing è dunque quello di accompagnare il nostro contatto nel processo d’acquisto, facendoci trovare sempre pronti nel momento in cui egli decidesse di acquistare.
Gli serve il prodotto che noi forniamo?
Ebbene, dobbiamo fare in modo che lo compri da noi e non da un nostro competitor.
Anche questo è marketing!!!!
Ora vi starete chiedendo:
“Con quali strumenti posso schedulare, organizzare, automatizzare questo processo?”

STAY TUNED!

 

UP THE IRONS!!!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One Comment

  1. Pingback: Direct E-mail Marketing - Profitti e Vendite - Direct Mail Marketing News

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: