Direct marketing – dialogo di fantasia

Il marketing per le piccole attività commerciali
Follow Me

Direct marketing – dialogo di fantasia

By circhirillo   /     Gen 31, 2015  /     Marketing e Strategie  /     

Direct marketing, questo (sigh, purtroppo) sconosciuto.

 

Facciamo un gioco, un esperimento.

Provo a simulare una comunicazione, una sorta di primitiva sales letter tra un giovanotto con qualche esperienza di marketing e un imprenditore di una PMI italiana.

 

La cosa suonerebbe circa così:

 

Come il direct marketing può farti aumentare i ricavi con poca spesa.

 

Sai che le aziende che hanno un blog fatturano il media, il 98% in più rispetto a quelle che hanno solo un sito istituzionale?

Posso immaginare quanto sia frustrante governare un’azienda il cui fatturato non aumenta mai e rimane costante di anno in anno nonostante tutti gli sforzi fatti (e i soldi investiti.)

 

Per la tua azienda probabilmente questa cosa non funzionerebbe in questa misura, però……..

Dai, non pensare sempre di essere differente, di essere una mosca bianca, è ora di prendere il toro per le corna e agire.

 

Are you ready?

circhirillo

In questi ultimi mesi ho dedicato tutto il mio tempo libero allo studio del posizionamento competitivo, della vendita e del direct response marketing, materia che mi ha sempre appassionato.

 

Sai cos’è il direct marketing?

 

Te lo spiego in due righe.

 

Siamo nel 2015 ed è possibile avviare massicce campagne di marketing investendo davvero pochi soldi.

 

Come?

 

Essenzialmente pubblicità in rete, cioè su:

 
  • Social media (Facebook, Google+, LinkedIn, twitter etc.)

  • Tramite e-mail marketing

  • Tramite newsletters

  • Tramite un BLOG

 

Se lo trovi interessante ti starai chiedendo:

 

“Ma quanto mi costa?”

 

Non ci crederai ma stiamo parlando di cifre davvero irrisorie.

 

Dipende a chi ti affidi, a che agenzia di marketing ti rivolgi (occhio alle fregature!!!)

 

Va bene, ma ti ho appena detto che con la mia azienda  questa cosa non funzionerebbe a dovere.

 

Ancora con questa storia?

 

Ieri sera ero a casa da solo e non sapevo cosa fare, ho scritto un articolo per il mio blog personale www.danielecirchirillo.com (se ti va dacci un’occhiata) e poi mi sono messo ad analizzare, utilizzando Google adwords, Google trends e altri simpatici ed utili strumenti di analisi del web il mercato della tua azienda.

 

Non sto qui a tediarti con tecnicismi, però vorrei farti presente un dato molto importante:

 

Se prendo in considerazione i primi tre players del tuo settore, tutte e tre le aziende hanno in comune un dato:

 

Hanno una presenza sul web veramente RIDICOLA!!!!!

In ordine sparso:

 
  • Siti istituzionali statici e impersonali

  • Alcuni adddirect marketing 1irittura con la pagina delle news il cui ultimo aggiornamento è tristemente datato 2013.

  • Pagine Facebook inesistenti o, ancor peggio, in cui sono postate due foto in croce del logo aziendale.

  • twitter, Google + instagram…. Qua siamo troppo avanti, probabilmente non se ne conosce nemmeno l’esistenza.

 

Qui c’è spazio davvero per la tua azienda, se mette su udirect marketing 2n progettino di Marketing, di fare il CULO a tutti (scusa la terminologia troppo tecnica).

 

Ovviamente tutto prescinde dal fatto che abbiate le idee chiare su come posizionarvi sul mercato, ma qui entriamo in un altro, affascinante ma complicato aspetto.

 

Tornando al BLOG e al direct marketing ti spiego brevemente a cosa serve.

 

Tutti questi strumenti servono a creare una Lead generation.

 

Cos’è la Lead generation?

 

Direttamente da Wikipedia:

 

“La Lead generation è un’azione di marketing che consente di generare una lista di possibili clienti interessati ai prodotti o servizi offerti da un’azienda. Quest’operazione consiste nel trovare i clienti interessati, farsi dare i contatti dalla persona (prospect) e costruire un database che sarà utilizzato dal reparto dedicato al commerciale. Per generare nuovi contatti, di futuri clienti, possono essere utilizzate tutte le varie strategie di marketing, da quelle più tradizionali come pubblicità o telemarketing alle più innovative come direct marketing o altre strategie che utilizzano il Web.

 

Il pregio della Lead generation è di generare una lista di possibili clienti realmente interessata e quindi con forte propensione all’acquisto del prodotto o servizio offerto, perché avviene una “selezione” a monte. Questo significa che il messaggio di vendita viene effettivamente veicolato soltanto ad alcuni consumatori, profilati grazie agli strumenti di marketing strategico.”

In breve, trovare nuovi contatti cui vendere.

 

Ma facciamo un passo alla volta, anche senza nuovi clienti (che non fanno mai schifo.)

 

Voi avrete già un database di clienti attivi o dormienti, ebbene tutti questi strumenti possono portarti a sbaragliare la concorrenza e ad appioppare i tuoi prodotti in modo estremamente proficuo.

 

Lo so che ti sta ronzando sempre in testa la stessa domanda:

 

“Ma quanto mi costa?”

 

La tattica ideale sarebbe di utilizzare qualche risorsa all’interno della tua azienda che sappia fare queste cose.

 

Probabilmente non c’é.                         Ho indovinato?

 

Se fai fare tutto all’esterno tra Blog, dominio, host, CMS, newsletter, salesletters, SEO, ecc. potresti spendere comunque una cifra irrisoria se confrontata con altri tipi di campagne di marketing.

 

Qui non si tratta di fornire sponsorizzazioni alla squadra di calcio della tua città o comprare un prime time spot durante il superbowl, ma nemmeno acquistare spazi sul giornale o cartellonistica stradale.

 

Suvvia, nel 2015 queste cose non ti suonano irrimediabilmente vecchie?

 

Credimi, è una strada che dovresti percorrere, le PMI italiane sul marketing sono indietro come le palle del cane ed anche i competitors della tua azienda non sono da meno.

 

Ti rendi conto che, mentre nel web si dibatte quali siano le migliori strategie di SEO, quale sia il migliore host per aprire un blog, meglio una fan page su facebook o ci s’indirizza più massicciamente su altri social, ci sono settori in cui l’imprenditore ha dato cinque anni fa (preistoria per il web) 5000 euro a un’agenzia che ha creato un sito con logo aziendale, pagina chi siamo e dove siamo.

 

C’è davvero tanto spazio per attaccare frontalmente e guadagnare.

 

Se t’interessa il discorso e lo vuoi approfondire……    sai dove trovarmi.

 

Ti garantisco che,

Potrebbero essere convincenti queste 1000 parole scarse per la necessaria “svolta web”?

 

Boh, e che ne so io!!!direct marketing, circhirillo

 

E poi, cari i miei followers, (adesso mi sto esaltando pensando di scrivere per chissà quale platea), tralasciando il direct marketing, come vi sarete sicuramente accorti, ho accennato a una cosa che probabilmente mancherà all’azienda in questione.

 

Ebbene sì, le due paroline magiche che DEVONO essere conosciute oramai da tutti e che DEVONO stare a monte di tutto:

 

Brand positioning

 

Ma questa è un’altra storia.

 

Stay tuned

 

Ora tocca a te!

Se ti é piaciuto questo mio post ti sarei infinitamente grato se lo condividessi sui social cliccando sui pulsanti qui sotto.

Visto quanto poco ci vuole per darmi un po' di felicitá?

 

UP THE IRONS!!!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: