Information Overload: come sopravvivere

Come posso trovare un metodo per attirare nuovi clienti con strumenti on line che non mi porti via tempo/risorse? La soluzione definitiva c'è.(e ce l'ho io)
Follow Me

Information overload, come uscirne vivi

By circhirillo   /     Mar 29, 2016  /     Marketing per piccole attività commerciali  /     , , , , ,
information overload

Information Overload: come uscirne vivi

Oggi voglio parlare dell’information overload o, in Italiano, sovraccarico cognitivo.

  Di cosa si tratta?

    Siamo nel 2016 (lo sapevate già immagino) in un mondo in continua e fulminea evoluzione. Quante cose sono cambiate in pochissimi anni!

Fino a qualche decennio fa riuscire a raccogliere informazioni su un determinato argomento era impresa ardua e gloriosa; addirittura si andava in biblioteca!

 

(Per i più giovani che mi leggono: la biblioteca è un posto in cui sono conservati e catalogati migliaia di libri e che per millenni è stata una delle poche fonti di sapere).

 

Ora invece, chiunque voglia informarsi su un qualsiasi argomento, ha accesso immediatamente, da qualsiasi luogo si trovi, a migliaia di informazioni, gratuite ed a pagamento.sovraccarcio cognitivo

Ricapitoliamo:
  • 3200 a.C. – 1990 dc: difficoltà a reperire informazioni
  • 1991 – ora: sovraccarico da informazioni

Tutto più semplice?

Magari!

  Torniamo al nostro information overload e diamone una definizione specifica.   Dicesi information overload: Il sovraccarico cognitivo, meglio conosciuto come Information overload(ing), si verifica quando si ricevono troppe informazioni per riuscire a prendere una decisione o sceglierne una specifica sulla quale focalizzare l'attenzione. (Wikipedia)

 

Facciamo un semplice esempio per focalizzare l’attenzione, dato che siamo in tema!!!  

  indecisioneSono il proprietario di un’attività commerciale, un negozio di articoli sportivi, gli affari non vanno più bene come una volta perché la gente oramai vuole spendere meno ed acquista dalle grandi catene tipo Decathlon, spesso anche solamente on line.

Finalmente ho l’illuminazione: devo far qualcosa per far sì che i clienti vengano da me e comprino nel mio negozio piuttosto che nel super store del centro commerciale a un Km di distanza.  

Cosa devo fare dunque?

 

  1. Farmi trovare dai potenziali clienti
  2. Fargli percepire il valore aggiunto che posso fornirgli rispetto al mega negozio, quindi devo saper trasmettere valore, spiegargli perché dovrebbe spendere di più e venire nel mio negozio
  3. Fare ciò senza perdere tantissimo tempo

Perché ho messo il punto Nr. 3?

Appunto perché in questo articolo sto parlando di sovraccarico cognitivo.

Se la mia “illuminazione” mi porta a cercare un modo per farmi conoscere in rete, oramai è il canale di gran lunga più utilizzato, mi imbatterò sicuramente in una mole di informazioni clamorosamente enorme, mi farò prendere da mille domande e, quasi sicuramente non inizierò neanche ad agire.

Cosa posso trovare sula mia strada?

Quali sono le opzioni disponibili?

 
  1. Chiamo mio nipote “che ne capisce” e gli faccio aprire una fan page su Facebook e poi ci posto le foto delle scarpe, una ogni 5 mdecisioneesi.
  2. Mi rivolgo ad una web agency per farmi fare il sito, e mi convinceranno subito con una supercazzola degna del miglior Conte Mascetti.
  3. Cerco da solo on line 147 modi alternativi per far crescere le vendite
  4. Mi hanno detto che se compro un Autoresponder e poi comincio a creare una lista, poi una optin page, poi una Landing page, poi faccio facebook ads, poi anche Google Adwords, poi……
  5. Però forse potrei anche acquistare un servizio di invio sms di massa super performante
  6. Ma ho visto che all’Esselunga anno la carta Fidaty, potrei inventarmi la carta Speralo per far tornare i clienti
  7. Poi potrei controllare i miei risultati tramite un sapiente mix tra Facebook Insights e Google Analytics e poi....
Fermi tutti!!!
Mi sembra che ci stiamo impelagando in un bel Information Overload  

Quindi?

Quindi il nostro vero lavoro è quello, in questo caso, di vendere articoli sportivi e non quello di impazzire dietro tecnicismi da web-nerd professionista.

Noi dobbiamo solamente:
  1. Farci trovare dai potenziali clienti.facile
  2. Fargli percepire il valore aggiunto che posso fornirgli rispetto al mega negozio, quindi devo saper trasmettere valore, spiegargli perché dovrebbe spendere di più e venire nel mio negozio
  3. Fare ciò senza perdere tantissimo tempo

Ve li ricordate questi bullets?

Certo che sì, erano una trentina di righe più in su ma.... repetita iuvant, dicevano i latini.

Vogliamo trovare nuovi clienti? Focalizziamoci solo su un processo, semplice, efficace ed il più completo possibile.

Come ce lo creiamo? Torniamo sempre al punto di partenza, ho il tempo per studiare, provare, sbagliare, testare, sbagliare, riprovare fino a quando ho trovato una soluzione perfetta?

La risposta è NO

La domanda di riserva è quindi:

Ci sono sistemi professionali sul mercato che fanno al caso mio?

La risposta è SI

Se ne vuoi sapere di più contattami e sarò felice di aiutarti!

STAI TUNED!!!

UP THE IRONS!!!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: